San Bernardo-Informazioni sul cane santo

Il San Bernardo o San Bernardo è una razza di cane da lavoro molto grande delle Alpi occidentali in Italia e Svizzera. Sono stati originariamente allevati per il lavoro di salvataggio dall’ospizio del Passo del Gran San Bernardo sul confine italo-svizzero.

L’ospizio, costruito dal monaco italiano Bernardo di Menthon e che porta il suo nome, acquistò i suoi primi cani tra il 1660 e il 1670. La razza è diventata famosa attraverso i racconti di salvataggi alpini, oltre che per la sua grande taglia. 

San Bernardo

Oggi i cani San Bernardo godono delle comodità della vita familiare in molte case in tutto il mondo. Sono affettuosi con quasi tutti quelli che incontrano, e le persone che non si preoccupano di un po’ di bava li troveranno come compagni affettuosi. Sono anche versatili ed eccellono nel ring e nelle prove di obbedienza, nel drafting (tirare un carrello o un carro) e nelle gare di traino del peso.

Il San Bernardo è riconosciuto oggi a livello internazionale come una delle razze molossoidi. È un cane gigante. Il pelo può essere liscio o ruvido; il pelo liscio è stretto e piatto, mentre il ruvido è denso, piatto e più abbondante intorno al collo e alle gambe. Il colore è tipicamente una sfumatura rossa con il bianco, o un fuso mogano con il bianco.

Le sfumature nere si trovano di solito sulla faccia e sulle orecchie. La coda è lunga e pesante e pende in alto. Gli occhi sono di solito marroni, ma a volte possono essere blu ghiaccio, e dovrebbero avere palpebre naturalmente strette, con le ali solo leggermente visibili.

Caratteristiche della razza di cane San Bernardo in breve

Storia dell’origine della razza del cane San Bernardo 

Il San Bernardo è nato in Svizzera insieme a diverse altre razze, tra cui il Bernese, l’Entlebuch Cattle Dog, l’Appenzell Cattle Dog e il Greater Swiss Mountain Dog.

Probabilmente furono creati quando i cani nativi delle Alpi furono incrociati con i cani di tipo mastino che arrivarono con l’esercito romano durante il periodo dell’imperatore Augusto. Entro il primo millennio CE, i cani della Svizzera e delle Alpi erano raggruppati e conosciuti semplicemente come “Talhund” (cane da valle) o “Bauernhund” (cane da fattoria).

Il nome “San Bernardo” ha origine dall’Ospizio del Gran San Bernardo, un ospizio per viaggiatori sul passo del Gran San Bernardo, spesso infido, nelle Alpi occidentali, tra la Svizzera e l’Italia. Il passo, il rifugio e i cani prendono il nome da Bernardo di Mentone, il monaco italiano dell’XI secolo che fondò la stazione.

“San Bernardo” non era in uso diffuso fino alla metà del 19° secolo. Prima di allora, i cani erano chiamati “Saint Dogs”, “Noble Steeds” o “Barry Dogs”

Le prime testimonianze scritte del San Bernardo provengono dai monaci dell’Ospizio del Gran San Bernardo al Passo del Gran San Bernardo nel 1707, con dipinti e disegni del cane che risalgono ancora prima. I primi resoconti britannici della razza li descrivono come Alpine Spaniels.

La prima prova che i cani erano in uso al monastero è in due dipinti risalenti al 1690 dell’artista italiano Salvator Rosa. Il più famoso San Bernardo che salvò le persone al passo fu Barry (a volte scritto Berry), che secondo quanto riferito salvò da qualche parte tra 40 e 100 vite

Il San Bernardo classico aveva un aspetto molto diverso dal San Bernardo di oggi a causa degli incroci. Gli inverni rigidi dal 1816 al 1818 portarono ad un aumento del numero di valanghe, uccidendo molti dei cani usati per l’allevamento mentre eseguivano i salvataggi.

Nel tentativo di preservare la razza, i San Bernardo rimasti furono incrociati con i Terranova portati dalla Colonia di Terranova negli anni 1850, e così persero molto del loro uso come cani da salvataggio nel clima nevoso delle Alpi perché la lunga pelliccia che avevano ereditato si sarebbe congelata e appesantita.

Il San Bernardo è riconosciuto a livello internazionale dalla Fédération Cynologique Internationale come molosso nel gruppo 2, sezione 2. La razza è riconosciuta dal Kennel Club (Regno Unito), dal Canadian Kennel Club e dall’American Kennel Club nel gruppo Working Dog.

Lo United Kennel Club negli Stati Uniti colloca la razza nel gruppo dei cani da guardia. Il Kennel Club della Nuova Zelanda e l’Australian National Kennel Council collocano la razza nel gruppo Utility

Caratteristiche, caratteristiche e temperamento dei cani San Bernardo

Oggi, i San Bernardo possono essere visti nelle case, sul grande schermo e alle mostre canine. Ci sono ancora dei San Bernardo all’Ospizio dei San Bernardo in Svizzera. Non cercano più i viaggiatori in difficoltà, ma servono come rappresentanti viventi della storia dell’ospizio. 

Personalità

Fedeli all’eredità dei San Bernardo come cani da ospizio, i San Bernardo sono amichevoli e accoglienti. Hanno un temperamento stabile e benevolo e sono gentili e attenti con i bambini. Amano l’attenzione ma non sono così esigenti come alcune razze.

I San Bernardo in genere impiegano più tempo a maturare mentalmente. Questo ti lascia con un cucciolo molto grande per diversi anni. Nonostante le sue dimensioni, il San Bernardo è un tranquillo cane da interno che è un meraviglioso amico di famiglia.

Anche se è tranquillo in casa, è bello se ha facile accesso a un cortile dove può avere un po’ di spazio per spargersi. Tuttavia, può vivere in ambienti piccoli, purché abbia una buona passeggiata quotidiana.

Formazione

A causa delle grandi dimensioni dei San Bernardo, è importante iniziare ad addestrare i San Bernardo in tenera età, quando sono ancora facilmente gestibili. Sono intelligenti e disposti a compiacere, ma a volte testardi. Non dovrebbero mai essere aggressivi, a meno che non sia in difesa di un membro della famiglia.

Come ogni cane, i San Bernardo hanno bisogno di una socializzazione precoce – l’esposizione a molte persone diverse, viste, suoni ed esperienze – quando sono giovani. La socializzazione aiuta a garantire che il tuo cucciolo di San Bernardo cresca come un cane completo.

Comportamento con i bambini e altri animali domestici

Insegnate sempre ai bambini come avvicinarsi e toccare i cani e non avvicinatevi mai a un cane mentre dorme o mangia o cercate di portargli via il cibo. Nessun cane, non importa quanto affidabile o ben addestrato, dovrebbe mai essere lasciato senza sorveglianza con un bambino.

I cani San Bernardo sono, beh, santi con i bambini. Pazienti e gentili, si muovono con cautela intorno a loro e sopportano molto.

Ma questo non significa che debbano farlo. Supervisiona le interazioni tra i bambini piccoli e i San Bernardo per assicurarti che non si tirino le orecchie o la coda, non si mordano, non si arrampichino e non si rovescino da entrambe le parti. 

I cani San Bernardo possono anche andare d’accordo con altri animali domestici, specialmente se vengono introdotti a loro quando sono cuccioli. Sorvegliare i cani e i gatti più piccoli per assicurarsi che non li calpestino o si sdraino accidentalmente.

Dimensione

I cani San Bernardo maschi sono alti da 28 a 30 pollici alla spalla e pesano da 140 a 180 libbre; le femmine San Bernardo sono da 26 a 28 pollici e pesano da 120 a 140 libbre.

Prezzo del San Bernardo

Mediamente $1000 – $2000 USD cioè circa 840 euro-1700 euro.

Di solito, il prezzo medio di un cucciolo di San Bernardo da un allevatore rispettabile è tra 863.90 € e 1727.80€, mentre un cucciolo di San Bernardo di alta qualità può costare fino a 2600 Euro e oltre. Il loro prezzo dipende dall’età del cucciolo, dal sesso, dalla qualità, dal pedigree e dalla posizione dell’allevatore.

Il costo medio di acquisto è di 1.30€, il temperamento calmo e paziente del San Bernardo lo rende ideale per le famiglie o come cane da esposizione. Le spese di toelettatura per questa razza gigante si aggirano generalmente intorno ai 56.15€ e la sua aspettativa di vita va dagli otto ai dieci anni.

Le spese mediche sono la ragione principale per cui i San Bernardo sono cani così costosi, con costi potenziali di assistenza sanitaria che si aggirano intorno agli 7300 euro.

Sfortunatamente, i cuccioli hanno il doppio delle probabilità di provenire da allevatori illegali che da allevatori legali negli Stati Uniti, e questo include allevamenti di cuccioli disumani. Questi allevamenti tengono i cani in gabbia in stanze buie e li usano essenzialmente come macchine da riproduzione.

Di solito sono molto insalubri e i cani ricevono poca o nessuna cura o qualità di vita.

Gli allevamenti di cuccioli possono camuffarsi da allevatori legali quando pubblicano annunci online. Quindi, è meglio comprare solo da allevatori con una buona reputazione e molte recensioni positive. Ricordati sempre di chiedere agli allevatori la documentazione sanitaria adeguata e di visitare i cuccioli prima dell’acquisto, se possibile.

Anche il colore del mantello di un San Bernardo può influenzare il prezzo. I San Bernardo hanno un mantello che è principalmente bianco con macchie di rosso, che sia un rosso giallo-marrone o un rosso marrone brillante o scuro.

Tutto ciò è in linea con lo standard di razza dell’American Kennel Club, ma i club locali di San Bernardo hanno opinioni diverse.

Questo significa che dove ti trovi nel paese potrebbe influenzare il prezzo dei cuccioli di San Bernardo con certi mantelli a seconda di ciò che è considerato più “desiderabile” per il club locale o statale.

Adottare un cane da un rifugio di salvataggio costerà solo la tassa di adozione. Questo può costare ovunque da cinquanta a poche centinaia di dollari. Il prezzo esatto dipenderà dal rifugio da cui si adotta, e di solito elencano le loro tariffe sui loro siti web.

I centri di soccorso conosciuti a livello nazionale possono applicare prezzi più bassi perché ricevono una buona quantità di pubblicità e donazioni. Mentre i rifugi più piccoli e localizzati possono essere più costosi. Anche i rifugi specifici per le razze tendono ad essere più costosi dei rifugi generici che ospitano diverse razze di cani, perché sono più esclusivi e forniscono cure specifiche per la razza.

Per adottare un San Bernardo, puoi cercare online i centri di soccorso più vicini a te o visitarli di persona. Una volta che vi sarete innamorati, dovrete compilare e inviare un modulo di adozione per far sapere al rifugio quale cane volete, oltre ad alcune informazioni personali.

Il costo complessivo per possedere un cane San Bernardo può essere derivato dai seguenti costi:

  • Costi alimentari
  • Costi medici – medicine, vaccini, ecc.
  • Costi di addestramento
  • Costi di toelettatura
  • Giocattoli e altri costi

I San Bernardo sono grandi mangiatori, grandi mangiatori di pelo e ancora più grandi masticatori! Si dice spesso che siano uno dei cani più costosi da possedere. Sia che tu decida di comprare o adottare il tuo San Bernardo, devi essere sicuro di poter fornire tutto ciò di cui ha bisogno. Questo significa cibo in abbondanza, giocattoli e tanto amore e cure!

Mantenere la buona salute del cane San Bernardo

I cani di razza San Bernardo sono generalmente sani, ma come tutte le razze, sono inclini a certe condizioni di salute. Non tutti i San Bernardo avranno alcune o tutte queste malattie, ma è importante esserne consapevoli se state considerando questa razza.

Nei cani di razza San Bernardo, dovreste aspettarvi di vedere le autorizzazioni sanitarie della Orthopedic Foundation for Animals (OFA) per la displasia dell’anca (con un punteggio di giusto o migliore), la displasia del gomito, l’ipotiroidismo e la malattia di von Willebrand; dalla Auburn University per la trombopatia; e dalla Canine Eye Registry Foundation (CERF) che certifica che gli occhi sono normali. Puoi confermare le autorizzazioni sanitarie controllando il sito web OFA (offa.org).

Displasia dell’anca: Questa è una condizione ereditaria in cui l’osso della coscia non si adatta perfettamente all’articolazione dell’anca. Alcuni cani mostrano dolore e zoppia su una o entrambe le zampe posteriori, ma si può non notare alcun segno di disagio in un cane con displasia dell’anca.

Quando il cane invecchia, può svilupparsi l’artrite. Lo screening a raggi X per la displasia dell’anca è fatto dalla Orthopedic Foundation for Animals o dall’University of Pennsylvania Hip Improvement Program (PennHIP). I cani con displasia dell’anca non dovrebbero essere allevati.

Se state comprando un cucciolo, chiedete all’allevatore la prova che i genitori sono stati testati per la displasia dell’anca e non hanno problemi. La displasia dell’anca è ereditaria, ma può anche essere innescata da fattori ambientali, come una crescita rapida da una dieta ipercalorica o lesioni subite saltando o cadendo su pavimenti scivolosi.

Displasia del gomito: Questa è una condizione ereditabile comune ai cani di razza grande. Si pensa che sia causata da diversi tassi di crescita delle tre ossa che compongono il gomito del cane, causando lassità articolare. Questo può portare a zoppie dolorose. Il veterinario può raccomandare un intervento chirurgico per correggere il problema, farmaci per controllare il dolore o la gestione del peso.

Entropion: Questo difetto, che di solito è evidente entro i sei mesi di età, fa sì che la palpebra si arrotoli verso l’interno, irritando o ferendo il bulbo oculare. Uno o entrambi gli occhi possono essere colpiti. Se il tuo Santo ha l’entropion, potresti notare che si strofina gli occhi. La condizione può essere corretta chirurgicamente.

Epilessia: Questo disturbo causa crisi lievi o gravi. L’epilessia può essere ereditaria; può essere scatenata da eventi come disturbi metabolici, malattie infettive che colpiscono il cervello, tumori, esposizione a veleni, o gravi ferite alla testa; o può essere di causa sconosciuta (indicata come epilessia idiopatica).

Le convulsioni possono essere esibite da un comportamento insolito, come correre freneticamente come se si fosse inseguiti, barcollare o nascondersi. Le convulsioni sono spaventose da vedere, ma la prognosi a lungo termine per i cani con epilessia idiopatica è generalmente molto buona.

L’epilessia può essere controllata con i farmaci, ma non può essere curata. Un cane può vivere una vita piena e sana con la corretta gestione di questo disturbo. Se il tuo Santo ha delle convulsioni, portalo subito dal veterinario per una diagnosi e delle raccomandazioni di trattamento.

Cardiomiopatia dilatativa: Questa condizione cardiaca si verifica quando il muscolo cardiaco diventa molto sottile e non è in grado di contrarsi normalmente. Poiché il cuore deve lavorare di più, si ingrandisce.

I cani con questa malattia hanno un ritmo cardiaco anormale e mostrano segni di insufficienza cardiaca, tra cui debolezza, perdita di appetito, perdita di peso, depressione, collasso, difficoltà di respirazione, una tosse morbida e un addome allargato. Non esiste una cura, ma il riposo, la dieta e i farmaci possono aiutare per un certo periodo.

Cataratta: Una cataratta è un’opacità sulla lente dell’occhio che causa difficoltà di visione. L’occhio o gli occhi del cane avranno un aspetto torbido. La cataratta si verifica di solito in età avanzata e a volte può essere rimossa chirurgicamente per migliorare la visione del cane.

Allergie: Le allergie sono un disturbo comune nei cani. Le allergie a certi alimenti sono identificate e trattate eliminando certi alimenti dalla dieta del cane fino a quando non si scopre il colpevole. Le allergie da contatto sono causate da una reazione a qualcosa che tocca il cane, come la lettiera, le polveri antipulci, gli shampoo per cani o altre sostanze chimiche.

Vengono trattate identificando e rimuovendo la causa dell’allergia. Le allergie inalanti sono causate da allergeni trasportati dall’aria come polline, polvere e muffa. Il farmaco appropriato per le allergie inalanti dipende dalla gravità dell’allergia. Le infezioni dell’orecchio sono un effetto collaterale comune delle allergie inalanti.

Dilatazione-volvolo gastrico (GDV): Chiamato anche gonfiore o torsione, questa è una condizione pericolosa per la vita che può colpire cani dal torace profondo come i San Bernardo, specialmente se vengono nutriti con un grande pasto al giorno, mangiano rapidamente, bevono grandi volumi di acqua dopo aver mangiato, e fanno esercizio fisico vigoroso dopo aver mangiato.

Alcuni pensano che anche i piatti rialzati e il tipo di cibo potrebbero essere fattori di gonfiore. È più comune tra i cani anziani, ma può verificarsi a qualsiasi età. La GDV si verifica quando lo stomaco si distende con gas o aria e poi si torce (torsione).

È importante portare il vostro cane dal veterinario il prima possibile. C’è qualche indicazione che la tendenza alla GDV sia ereditaria, quindi si raccomanda che i cani che hanno sviluppato questa condizione siano sterilizzati. 

Vaccini per i cuccioli di San Bernardo

Età del cucciolo di San BernardoVaccinazioni raccomandate per il cucciolo di San BernardoVaccinazioni opzionali per il cucciolo di San Bernardo

6 – 8 settimane

Cimurro, parvovirus

Bordetella

10 – 12 settimane
DHPP (vaccini per cimurro, adenovirus [epatite], parainfluenza e parvovirus)Influenza, leptospirosi, Bordetella, malattia di Lyme per stile di vita come raccomandato dal veterinario

16 – 18 settimane

DHPP, rabbia
Influenza, malattia di Lyme, leptospirosi, Bordetella per stile di vita

12 – 16 mesi

DHPP, rabbia
Coronavirus, leptospirosi, Bordetella, malattia di Lyme

Ogni 1 – 2 anni

DHPP
Influenza, Coronavirus, Leptospirosi, Bordetella, malattia di Lyme per stile di vita

Ogni 1 – 3 anni

Rabbia (come richiesto dalla legge)

nessuno

Dieta

Ai San Bernardo piace mangiare e sono inclini all’obesità. Mantieni il tuo San Bernardo in buona forma misurando il suo cibo e nutrendolo due volte al giorno piuttosto che lasciare il cibo fuori tutto il tempo.

La quantità giornaliera raccomandata di cibo per il cane di razza San Bernardo è da 5 a 6 tazze di cibo secco di alta qualità al giorno, diviso in due pasti

Quanto mangia il tuo cane adulto dipende dalla sua taglia, età, corporatura, metabolismo e livello di attività. I cani sono individui, proprio come le persone, e non hanno tutti bisogno della stessa quantità di cibo. Va quasi da sé che un cane molto attivo avrà bisogno di più di un cane da divano.

Anche la qualità del cibo per cani che compri fa la differenza: migliore è il cibo per cani, maggiore sarà il suo contributo al nutrimento del tuo cane e minore sarà la quantità che dovrai versare nella ciotola del tuo cane.

Se non sei sicuro che il tuo cane San Bernardo sia in sovrappeso, fagli il test degli occhi e quello delle mani. Per prima cosa, guardalo dall’alto in basso. Dovrebbe essere in grado di vedere la sua vita.

Poi metti le mani sulla sua schiena, i pollici lungo la spina dorsale, con le dita aperte verso il basso. Dovresti essere in grado di sentire ma non di vedere le sue costole senza dover premere forte. Se non ci riesci, ha bisogno di meno cibo e più esercizio.

Colore del pelo e toelettatura

I San Bernardo hanno varie tonalità di rosso con bianco o bianco con rosso. Il rosso si presenta in varie tonalità, da macchie brune con marcature bianche al giallo-marrone. Il bianco è presente sul petto, intorno al collo (il cosiddetto collare), intorno al naso (la fascia nasale), sui piedi e sulla punta della coda.

I San Bernardo possono essere trovati in due tipi di pelo: a pelo corto e a pelo lungo. Il mantello a pelo corto è liscio ma denso. Il pelo è leggermente cespuglioso sulle cosce e la coda è coperta da un pelo lungo e denso che diventa più corto verso la punta. Il pelo a pelo lungo è leggermente ondulato ma mai riccio o ispido. Le zampe anteriori hanno un po’ di piume, ma le cosce e la coda sono cespugliose.

Nei cani di razza San Bernardo, una macchia bianca sulla nuca e una fiammata bianca sulla faccia sono particolarmente attraenti e desiderabili, così come le marcature scure sulla testa e sulle orecchie che ricordano una maschera. Si dice che le marcature bianche ricordino i paramenti liturgici indossati da un prete e la maschera nera per ridurre il riverbero della neve.

Spazzola il tuo cane San Bernardo circa tre volte alla settimana con una spazzola di gomma per il curry o un guanto da caccia per i manti a pelo corto o una spazzola a spillo per i manti a pelo lungo.

I cani San Bernardo non hanno bisogno di essere lavati frequentemente.

Usa uno shampoo fatto per cani San Bernardo per assicurare che il pelo non diventi secco. Potresti voler usare uno shampoo sbiancante per mantenere il pelo più bianco e brillante.

Altre esigenze di toelettatura nei cani di razza San Bernardo includono l’igiene dentale, la cura delle unghie e delle orecchie.

Tagliare le unghie una o due volte al mese se il cane non le consuma naturalmente.

Controlla settimanalmente le orecchie dei tuoi cani San Bernardo. Se sembrano sporche, puliscile con un batuffolo di cotone, usando un detergente per orecchie raccomandato dal tuo veterinario.

Se non sei sicuro di come pulire il tuo San Bernardo, chiedi consiglio all’allevatore del tuo cane o porta il tuo San Bernardo da un toelettatore professionista.